CAPPELLETTI E LAMBRUSCO: UN GRANDE CLASSICO DA CONOSCERE

Da oggi quando vi chiederanno l’abbinamento per eccellenza con il Lambrusco non potrete più fare scena muta, anche se non siete Reggiani!

Esiste un tipo di pasta in Italia in grado di far discutere anche l’individuo più pacifico al mondo: la pasta ripiena! Di paste ripiene ne abbiamo a bizzeffe e in ogni regione e provincia si trovano varianti sempre diverse e con fan accanitissimi. A Reggio Emilia siamo estremamente fieri della nostra pasta ripiena, tanto che è nata un’Associazione e successivamente anche un Manifesto a sua tutela. Stiamo parlando di sua maestà il Cappelletto Reggiano!

Il Cappelletto Reggiano è un pezzo di pasta ripieno nelle cui pieghe si trovano carne, spezie e Parmigiano Reggiano (quest ultimo non deve essere tralasciato mai!), ma anche tradizione, passione e amore per la nostra Terra. Il processo di lavorazione è lungo e va solitamente a ripercorrere un rituale che diventa quasi meditativo. Nelle case delle rezdore (le sfogline) quando si fanno i cappelletti si sentono risate, chiacchiere di intere famiglie e gesti costanti e precisi che vanno a formare file e file di di questi piccolissimi saccottini ripieni.

Ma veniamo al sodo, come si preparano i cappelletti reggiani? Di seguito riproponiamo la ricetta ufficiale dell’Associazione Il Cappelletto Reggiano.

E il vino? I cappelletti nella loro versione tradizionale vengono consumati in brodo e quindi hanno già la presenza di un liquido a cui appoggiarsi, ma nonostante questo l’abbinamento che si impone è uno ed uno solo: il Lambrusco! In base alla grassezza del brodo, della carne e del Parmigiano Reggiano contenuti nei Cappelletti si potranno scegliere Lambruschi più o meno morbidi, ma solitamente non si mette mai in dubbio l’abbinamento per tradizione.

Alla Medici Ermete abbiamo tre grandi classici ai quali abbiniamo i nostri Cappelletti e che vogliamo condividere:

  • Lambrusco Reggiano DOC Concerto è il vostro vino d’eccellenza se cercate un prodotto rosso secco molto equilibrato, elegante, con una bollicina fine e mai invadente. I Cappelletti si abbinano alla perfezione!
  • Reggiano DOC Assolo, è perfetto con un brodo non troppo grasso e un Cappelletto delicato, magari con un Parmigiano Reggiano non molto stagionato. Assolo è composto da Lambrusco Salamino e Ancellotta, quest’ultima conferisce una bella morbidezza al vino, che rimane comunque secco e perfetto con i Cappelletti
  • Lambrusco Reggiano DOC Quercioli. Se siete amanti dei lambruschi corposi di una volta lui è il vino che state cercando. Sarà ottimo in abbinamento anche ad un brodo un po’ più grasso e ad un ripieno del Cappelletto in cui è stata aggiunta un po’ salsiccia ad esempio. La percentuale di Lambrusco Marani che è presente nel vino garantisce una buona spalla acida che aiuta a sgrassare la bocca in modo molto naturale e piacevole.

Vi abbiamo convinto e fatto venire fame? Con il tempo che sta sempre di più virando verso l’autunno, con giornate più freddine e piogge un bel piatto di Cappelletti fatti in casa ci sta tutto!